Centro Sclerosi multipla

Responsabile: Dott. Claudio Ferrante

Centro Alta Specialità
Coordinatrice infermieristica

Cattaneo Patrizia

Contatti telefonici

035.604417

035-604417 (fax)

 
  • EQUIPE
  • ATTIVITÀ CLINICA

    In sintonia con le più recenti linee guida codificate per la gestione della Sclerosi Multipla, presso il nostro Centro è previsto il ricovero ordinario nei seguenti casi:

    -  pazienti che necessitino di inquadramento diagnostico e terapeutico
    - pazienti con diagnosi già nota di Sclerosi Multipla, che abbiano una recidiva infiammatoria che comporti una disabilità tale da non permettere una gestione del problema in altri modi che non il ricovero.

    Per i pazienti del primo gruppo sono previste indagini cliniche e strumentali (RMN, Potenziali Evocati Visivi, del Tronco encefalo e Sensitivi, indagini di laboratorio sul  liquidi cerebro-spinale) e la terapia atta a far regredire i disturbi che hanno portato il paziente all’ospedalizzazione.

    Per i pazienti del secondo gruppo sono previsti controlli radiologici (RMN) e la terapia steroidea ad alto dosaggio con somministrazione endovenosa della stessa.

  • ATTIVITÀ AMBULATORIALE

    Sempre in conformità con i più attuali indirizzi gestionali dei pazienti affetti da Sclerosi Multipla, presso il nostro Centro si individuano due principali momenti di intervento:

    - Dispensazione dei farmaci atti a prevenire eventuali ricadute di malattia e loro monitoraggio. In particolare i pazienti che assumono il farmaco al proprio domicilio vengono valutati clinicamente ogni tre mesi e, in occasione del controllo clinico, viene consegnata loro la quantità di farmaco necessaria per 3 mesi di terapia. 
    Un altro gruppo di pazienti che assume farmaci somministrabili solo per via endovenosa, viene gestito sempre ambulatorialmente con cadenza di somministrazione mensile (il Centro è riconosciuto dall’AIFA come dispensatore del Natalizumab). Monitoraggio cardiologico per la prima somministrazione di un recente farmaco
    (Fingolimod) come previsto dai protocolli AIFA.

    - La gestione ambulatoriale di eventuali recidive prevede la somministrazione endovenosa di terapia steroidea ad alto dosaggio in cicli di 3 o 5 giorni consecutivi (MAC). Questa procedura, che di fatto sostituisce il “day hospital” prevede che il paziente venga accolto in Ospedale per l’assunzione del farmaco e che, quindi, possa far rientro al domicilio.
    Sempre a livello ambulatoriale vengono attuate indagini bioumorali (dosaggio anticorpi neutralizzanti dell’interferone –NAB)(ricerca del JC-virus) atti a valutare l’efficacia della terapia e la sicurezza.

  • CONVEGNI

    Vengono organizzati corsi di aggiornamento indirizzati a Medici della Medicina Generale ed Infermieri professionali per la creazione di un tessuto di supporto del paziente anche extra-ospedaliero.
    Sono tenuti, inoltre, incontri con i pazienti e familiari per l’aggiornamento circa i nuovi sviluppi della ricerca sia in ambito diagnostico che terapeutico.

X